THE HOBBIT and FANGIRLS

Conoscete FanGirls vero?


No

No?

NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO

YOU FOOLS

Fatevi una cultura

Annunci

BOYHOOD

bouy1Alla fine sono riuscito a vederlo, grazie alla spinta della mi compagna siamo andati al #minicineminoparrocchialeconleseggiolinedilegnoscomodissimo e ci siamo seduti per questo esperimento di quasi tre ore.

Boyhood infatti è questo, un esperimento… quasi del tutto riuscito.

Iniziato a girare nel 2002 e finito nel 2013, racconta la vita di una famiglia un po’ incasinata e punta la lente di ingrandimento su Mason, il figlio minore.

In tre ore li si vede cresce, invecchiare, farsi grassi, cambiare e la sensazione è strana, ma non così tanto.

boy2
Siamo, sono, troppo abituato al cinema per stupirmi davanti ad un ragazzo che cresce e la cosa un po’ mi dispiace.
Per questo, almeno per me, un esperimento quasi riuscito.

Alla fine Boyhood è un bel film, non un bellissimo film, che racconta una famiglia con un’idea in più nella sua strutturazione.

Qui la scheda di Wikipedia

Interstellar… 169 minuti per un buco nero

buco

Nolan mi piace parecchio, Memento è uno dei film più geniali che abbia mai visto:
Inception mi ha inflippato i neuroni per un bel pezzo e il suo Batman per la prima volta non mi ha fatto rimpiangere Burton, che però continuo a preferire.interstellar-review
Le mi aspettative erano parecchio alte per questo suo nuovo film, forse troppo.

Mi aspettavo qualche cosa di sconvolgente, una rivoluzione del genere come aveva fatto con i cinecomics, invece Interstellar è l’esatto contrario, una fantascienza riportata alle sue origini.
Il primo paragone che mi viene in mente è quello con Solaris, poi visivamente se ne accavallano altri: 2001, le astronavi di Alien.

solaris
Ma nel suo inserirsi nel filone della fantascienza filosofica, non fa nulla di nuovo.
169 minuti per un buco nero e un espediente usato e riusato in milioni di storie, telefonato già all’inizio.
Rimane però una bellissima esperienza visiva e sonora, anzi non sonora. Il silenzio assoluto dello spazio e i continui contrappunti con il rumore delle persone mi è piaciuto veramente tanto.
Probabilmente è un film da vedere, perchè sarà una pietra di paragone per operazioni simili nel futuro, ma sicuramente non sarà la più riuscita.

ENDER’S GAME

Lessi il libro ripescandolo in uno degli Urania, o forse era una serie oro della Nord, di mio padre e ne rimasi affascinato, ora ne faranno un film e non vedo l’ora di vederlo! Qui il primo sguardo sul Trailer!